VERBI di CAMBIO in spagnolo: llegar a ser, convertirse/transformarse en, quedarse | Come si usano?

In questa lezione continueremo a parlare dei verbi di cambio. Già ne stavamo parlando un po’ nella scorsa lezione, tuttavia oggi continuiamo perché non abbiamo terminato, ce ne sono altri!

Come si usano i verbi di cambio in spagnolo?

Per prima cosa ricordiamo cosa sia un verbo di cambio: un verbo di cambio é un verbo che esprime  il cambio nella  qualità o nello stato di una persona, di una cosa o di un animale. l’altro giorno abbiamo visto PONERSE, VOLVERSE e HACERSE, che esprimono cambi differenti a seconda del verbo. Oggi vedremo altri tre, e il primo é:

LLEGAR A SER

Questo verbo si combina con un aggettivo o con un sostantivo. E, che  tipo di cambio esprime? Esprime un cambiamento duraturo, lento e soprattutto positivo. Per farvi un’idea, questo é il verbo che  di solito si utilizza per esprimere un cambio che porta  uno sforzo anteriore. Quando io mi sforzo molto per cambiare, per realizzare  un cambio, utilizzo questo verbo. Perciò di solito si utilizza  con professioni, o con condizioni sociali.

Ad esempio:
«Después de haber estudiado muchísimo, y de haber trabajado muy duro, Pepe ha llegado a ser un médico maravilloso» (perché prima  ha avuto uno sforzo precedente)

Ricorda che llegar a ser si utilizza solo con le persone.

CONVERTIRSE EN o TRANSFORMARSE EN

Questi due verbi esprimono lo stesso tipo di cambio, quindi li possiamo utilizzare come vogliamo(uno o l’altro). Però ricorda, hanno sempre la preposizione  EN.

Si possono utilizzare sia con persone sia con cose. E, che tipo di cambio esprimono.? Esprimono un cambio che  può essere rapido o anche duraturo…  Però la chiave sta nel in quel che è un cambiamento RADICALE.

L’ esempio più chiaro affinché ricordiate questo verbo é l’esempio del “príncipe  que se convierte en sapo”. O era al contrario? “El sapo que se convierte en príncipe“.. Non ricordo più!

Però questo é un esempio molto chiaro di un cambio radicale: “un príncipe que se convierte en un sapo”.

QUEDARSE

Per ultimo abbiamo il verbo di cambio QUEDARSE.
Questo verbo di cambio esprime un cambio che a volte può essere duraturo, e a volte può essere momentaneo. Però la chiave in questo caso è pensare che tiene conto del risultato del risultato di un cambio. Non tanto al cambio in se, solo al risultato.

Ad  esempio:
«Después del accidente mi perrito se ha quedado cojo» (Cojo significa che non riesce a  caminare bene, perciò fa riferimento al risultato, alla conseguenza)

Questo é un esempio di una conseguenza duratura. Altra conseguenza duratura può essere quedarse calvo (senza capelli), o “quedarse huérfano”, “quedarse sordo”… Sono tutte conseguenze durature.

Però anche, come abbiamo detto, possiamo parlare di conseguenze momentanee, che durano poco nel tempo.

Ad esempio, diventare rauco:

«Grité tanto en el concierto que me quedé afónica» (afónico significa senza  voce)
«Cuando me dijo eso me quedé sorprendida»

ATTENZIONE!

Ricordate  il verbo di cambio che abbiamo visto l’altro giorno “HACERSE”? (Se non lo ricordate qui avete il link per vedere il video)
Questo verbo di cambio en occasioni può anche essere scambiato con il verbo  LLEGAR A SER, però dobbiamo stare molto attenti perché cambia un po’ il significato.

LLEGAR A SER é sempre un cambio più graduale e un po’ più lento, ed inoltre, implica sempre uno sforzo precedente.

Perciò possiamo dire:

«Se ha hecho rico» (in questo caso faccio riferimento semplicemente al cambio)
«Ha llegado a ser rico» (in questo caso faccio riferimento al cambio però con uno sforzo precedente )

Che follia ! Vero?

Bene , non vi preoccupate, è più facile di quello che sembra. E nella prossima lezione, inoltre, vedremo alcune espressioni con i verbi di cambio. In questo modo  sarà  ancora  più facile utilizzarli !

Vuoi continuare a imparare cose nuove? Studia il subjuntivo (congiuntivo) spagnolo!

Rispondi