Quando si usano POR e PARA in spagnolo? Quali sono le differenze tra POR e PARA?

    Che pasticcio, non so mai quale dei due utilizzare: POR o PARA?. Ma non vi dovete preoccupare, perché in questa lezione vi spiegherò quando si usano POR e PARA in spagnolo e quali sono le differenze tra queste due preposizioni!

    Youtube BurbujaDELEspañol Facebook BurbujaDELEspañol Instagram BurbujaDELEspañol Pinterest BurbujaDELEspañol

     POR e PARA in spagnolo: quale utilizzare e quando?

     

    Porpara sono due preposizioni dello spagnolo che creano molta confusione agli studenti, poiché sono molto simili, ma con usi differenti. Oggi impareremo come si utilizza por e come si utilizza para, così da risolvere una volta per tutte tutti i vostri dubbi.

    Iniziamo con POR. Questa preposizione possiede un uso principale, fondamentale, che è il più importante di tutti: si utilizza soprattutto per esprimere la CAUSA o il MOTIVO di una azione.

    Per esempio:

    • No puedo salir a la calle por el corona virus Non posso uscire in strada per il corona virus (è la causa per la quale non posso uscire in strada)
    • Mi madre me ha castigado por mentirMia madre mi ha punito per aver mentito (l’aver mentito è la causa della mia punizione).

    Quando mi riferisco a una causa o a un motivo uso sempre POR.

    Però questo non è l’unico uso di por, poiché ne ha anche altri, sempre molto importanti. Uno di questi è per esprimere un’espressione di tempo indeterminata. Per esempio, quando dico per Natale o per le vacanze mi riferisco a un momento temporale, ma non a un giorno concreto, bensì ai giorni che compongono, all’incirca, quel periodo.

    • Seguro que nos vemos por Navidad – Ci vedremo per Natale, sicuramente (non mi riferisco al 25 dicembre, bensì ai giorni di quel periodo, in generale)

    Ecco un altro uso di por, che però in questo caso si riferisce allo spazio: è la localizzazione nello spazio, anche questa indeterminata. In sostanza, quando mi riferisco ad un luogo indeterminato utilizzo por.

    • Voy a ir a dar un paseo por la ciudad Vado a fare una passeggiata per la città (per la città in generale, non dico in che luogo esattamente).
    • Ayer salí por el centroIeri sono uscita in centro (non dico esattamente in quale parte del centro).
    • Por aquí hay muchos bares y restaurantesQui ci sono molti bar e ristoranti (in questa zona).
    • Por allí no hay ningún restaurante interesante Lì non c’è nessun ristorante interessante (in quella zona).

    Por ha anche un altro uso che si riferisce allo spazio. In questo caso si riferisce al movimento/passaggio attraverso un luogo. Immaginiamo, per esempio, un treno che parte da Madrid e va a Barcellona:

    • El tren pasa por muchas ciudades Il treno passa per molte città

    Quando passo attraverso un luogo utilizzo por. Ancora

    Una persona pasa por una puerta – Una persona passa per la porta (attraversa la porta).

    O quando sto facendo due passi e dico

    Bueno, voy a comprar el pan porque paso por delante de la panadería – Vado a comprare il pane dato che passo per la panetteria (attraverso un luogo).

    Un altro uso di por in spagnolo, molto importante, è quello di introdurre il complemento d’agente in una frase passiva. Quando si ha una frase passiva, in alcune circostanze si può voler specificare chi compie l’azione e questa persona è il complemento d’agente. Questo in spagnolo si introduce con la preposizione por.

    • El libro es escrito por Carlos Ruiz Zafón Il libro è stato scritto da Carlos Ruiz Zafón
    • La estatua es esculpida por Pablo Tardáguila del Castillo La statua è stata scolpita da Pablo Tardáguila del Castillo (mio fratello è uno scultore!)

    Questi sono gli usi principali di POR. Ricapitoliamo.

    POR si utilizza per:

    • esprimere una CAUSA o un MOTIVO;
    • parlare di un TEMPO INDETERMINATO;
    • parlare di un PUNTO INDETERMINATO;
    • esprimere il PASSAGGIO ATTRAVERSO UN LUOGO;
    • introdurre il COMPLEMENTO D’AGENTE in una frase passiva.

    Adesso vediamo come si usa PARA, l’altra preposizione.

    Anche para ha un uso principale molto importante, ovvero il fine.

    • Utilizo la preposición por para expresar causaUtilizzo la preposizione “por” per esprimere una causa (il fine di por è quello di esprimere una causa)
    • Estudio español para poder hablar con los españolesStudio spagnolo per poter parlare con gli spagnoli (è il fine per il quale studio spagnolo)

     

    Un altro uso di para è il destinatario, quando, per esempio, devo dare a qualcuno una lettera o un regalo.

    • Tengo un regalo para Ho un regalo per
    • Ha llegado una carta, es para tiÈ arrivata una lettera, è per te (questo è il destinatario).

    Un altro uso di para ha a che fare con lo spazio. In questo caso, al contrario di POR, PARA si utilizza per esprimere un punto nello spazio determinato, ovvero la destinazione, cioè il punto finale di un movimento.

    • El tren para Barcelona Il treno per Barcellona, perchè è il punto finale, la destinazione di quel movimento

     

    Un altro uso di para è esprimere l’opinione personale: para mí, para ti, para él, para nosotros (per te, per me, per lui, per noi):

    • Para mí esto es un poquito difícil. ¿Para ti esto es fácil o difícil? Per me questo è un po’ difficile. Per te invece è facile o difficile?

     

    PARA si utilizza per:

    • esprimere FINALITÀ;
    • esprimere il DESTINATARIO;
    • parlare della DESTINAZIONE FINALE di un movimento;
    • dare la MIA OPINIONE.

    Avete notato che quando parlo di para dico sempre «PARA se utiliza para»? Questo perchè PARA si utilizza per una finalità. È un po’ ridondante, ma il para si utilizza in questo modo, dopo tutto.

    Di tutti questi usi che abbiamo visto tra POR y PARA, quelli che di solito confondono di più chi studia spagnolo sono i primi, quelli che abbiamo detto essere i più importanti, ovvero POR = causa e PARA = finalità. Perché creano confusione? Perché a volte risulta un po’ difficile capire se si sta parlando di una causa o se si sta parlando di una finalità. Ma io vi darò un trucco per rendervi la vita più facile.

     

    Quando si parla di una causa, pensate al fatto che questa venga sempre prima della frase da noi prodotta. Io realizzo un’azione a causa di qualcosa.

    CAUSA → TUTTO IL RESTO

    Per esempio: Io mi comporto molto male e mia mamma mi punisce.

    Mi madre me castiga por portarme malMia mamma mi punisce perché mi sono comportato male (la causa è antecedente al fatto concreto)

    La finalità, al contrario, viene dopo. Io realizzo un’azione il cui fine viene successivamente.

    Yo estudio español para aprobar el examenIo studio spagnolo per poter passare l’esame (prima studio e poi passo l’esame).

    TUTTO IL RESTO → FINALITÀ

    Si tratta di un piccolo trucco a cui potete ricorrere quando non vi è ben chiaro se si sta parlando di causa o fine.

    Spero che sia tutto chiaro, dato che si tratta di un argomento un po’ complicato, ma sono sicura che abbiate capito. Non dimenticatevi di guardare anche la lezione su HAY e il lessico della casa: è davvero importante! Noi ci rivedremo presto qui nella BurbujaDELEspañol.

    Hai appreso i contenuti di questa lezione? Prova a fare gli esercizi!

    Rispondi